La morte come continuazione della vita: sull'escatologia di Emanuel Swedenborg