All’interno del duomo di Oristano si conservano dei monumentali stendardi testimonianza di un episodio della guerra dei Trent’anni, operato nel 1637 da una flotta francese al comando del conte D’Harcourt. A seguito dell’intervento di restauro della Soprintendenza ai BAP-PSAE di Cagliari e Oristano negli anni 2002-03 (I lotto: Bruna Usai; II lotto: L’Ermesino), gli stendardi vengono presi in esame dal punto di vista storico-artistico istituendo opportuni confronti tecnici e stilistici, dall’altro mettendo a fuoco le figure dei protagonisti di quell’avvenimento storico di portata europea che coinvolse la Sardegna.

Gli stendardi d’Harcourt nel duomo di Oristano

PASOLINI, ALESSANDRA
2015

Abstract

All’interno del duomo di Oristano si conservano dei monumentali stendardi testimonianza di un episodio della guerra dei Trent’anni, operato nel 1637 da una flotta francese al comando del conte D’Harcourt. A seguito dell’intervento di restauro della Soprintendenza ai BAP-PSAE di Cagliari e Oristano negli anni 2002-03 (I lotto: Bruna Usai; II lotto: L’Ermesino), gli stendardi vengono presi in esame dal punto di vista storico-artistico istituendo opportuni confronti tecnici e stilistici, dall’altro mettendo a fuoco le figure dei protagonisti di quell’avvenimento storico di portata europea che coinvolse la Sardegna.
9788890279096
ricamo; Seicento; Harcourt; Sardegna; Barocco
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Pasolini Stendardi Oristano.zip

Solo gestori archivio

Descrizione: Articolo principale
Tipologia: versione editoriale
Dimensione 315.7 kB
Formato PDF
315.7 kB PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11584/110729
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact