Note sul linguaggio teatrale arabo-libanese. L’esempio di Yahya Žēber