I ragazzi sardi non sono bamboccioni: il 30% degli studenti lavora mentre frequenta le scuole superiori e il 26% fa volontariato