28 elezioni, un solo Parlamento: nuovi gruppi, stesse alleanze?