Kierkegaard, Pirsig e lo zen, ovvero qualche appunto sul problema non scientifico della soggettività