Gaetano d’Ancora tra filologia, antiquaria e storia naturale