Disturbi da deficit di attenzione e/o iperattività (DDAI) e doti cognitive eccezionali: quale relazione?