Di Roberto Coroneo come studioso è doveroso ricordare il contributo fondamentale che ha dato agli studi di Storia dell’arte in Sardegna, in continuazione con una scuola di studiosi che ha annoverato Raffaello Delogu, Corrado Maltese e Renata Serra (che è stata sua maestra), a partire dalla sua tesi di laurea.È partendo da queste prime ricerche che si sviluppa poi una ricca e articolata produzione scientifica, che abbraccia l’arte altomedievale in Italia e in Spagna, l’architettura e l’arte di età romanica in Sardegna, l’architettura e l’arte di età romanica in Corsica, la produzione artistica in Italia e in Europa, la cultura, l’arte e l’architettura bizantina e i suoi influssi; un campo d’indagine quest’ultimo fino ad allora poco coltivato nell’isola e nel quale gli studi condotti costituiscono essenziali punti di riferimento per le ricerche sul medioevo sardo e per il loro sviluppo. La sua produzione scientifica, costituita da numerose pubblicazioni, relazioni o comunicazioni a congressi, convegni nazionali o internazionali, scaturisce da accurate analisi sul territorio e da una costante attenzione verso i segni della presenza dell’uomo e della sua testimonianza artistica.

Le vulcaniti mioceniche sarde utilizzate come materiali costruttivi nell’architettura storica: l’esempio della chiesa romanica di San Pietro di Zuri (Sardegna, Italia)

Columbu Stefano;Marchi Marco
2015

Abstract

Di Roberto Coroneo come studioso è doveroso ricordare il contributo fondamentale che ha dato agli studi di Storia dell’arte in Sardegna, in continuazione con una scuola di studiosi che ha annoverato Raffaello Delogu, Corrado Maltese e Renata Serra (che è stata sua maestra), a partire dalla sua tesi di laurea.È partendo da queste prime ricerche che si sviluppa poi una ricca e articolata produzione scientifica, che abbraccia l’arte altomedievale in Italia e in Spagna, l’architettura e l’arte di età romanica in Sardegna, l’architettura e l’arte di età romanica in Corsica, la produzione artistica in Italia e in Europa, la cultura, l’arte e l’architettura bizantina e i suoi influssi; un campo d’indagine quest’ultimo fino ad allora poco coltivato nell’isola e nel quale gli studi condotti costituiscono essenziali punti di riferimento per le ricerche sul medioevo sardo e per il loro sviluppo. La sua produzione scientifica, costituita da numerose pubblicazioni, relazioni o comunicazioni a congressi, convegni nazionali o internazionali, scaturisce da accurate analisi sul territorio e da una costante attenzione verso i segni della presenza dell’uomo e della sua testimonianza artistica.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
COLUMBU et alii.pdf

Solo gestori archivio

Descrizione: Flla paper
Tipologia: versione editoriale
Dimensione 4.82 MB
Formato Adobe PDF
4.82 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11584/135335
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact