Lo studio analizza la politica di pianificazione urbana e di tutela dei centri storici, adottata in Francia in seguito all’introduzione della loi Malraux (n. 62-903 del 4-8-1962) e dei settori di salvaguardia. Nonostante l’argomento sia stato ripetutamente trattato dalla letteratura, sia locale che internazionale, non è mai stato affrontato secondo una visione globale. Di conseguenza, il lavoro ha mirato ad un suo inquadramento unitario, esaminando tutti gli aspetti legati all’applicazione della legge. Inoltre, ripercorrendo quasi quarant’anni di sperimentazione, attraverso la visita di alcune località e la lettura di qualche fabbrica ‘prima’ e ‘dopo’ gli interventi previsti dai piani di tutela, la ricerca ha condotto all’individuazione di criteri e metodi adottati in fase operativa e della loro evoluzione nel tempo. In definitiva, essa ha consentito di stendere un effettivo bilancio dell’esperienza francese, suggerendo un confronto con le altre nazioni, ed in particolare con l’Italia, per definire una comune linea d’intervento per la protezione dei quartieri antichi, ancora contrassegnati da serie problematiche, molto spesso rimaste irrisolte.

Pianificazione urbana e tutela dei centri storici: la Francia e i «secteurs sauvegardés» - Tesi di Dottorato in Storia e Conservazione dei Beni Architettonici (XI ciclo), Seconda Università degli Studi di Napoli, Facoltà di Architettura, Aversa (CE)

GIANNATTASIO, CATERINA
1999

Abstract

Lo studio analizza la politica di pianificazione urbana e di tutela dei centri storici, adottata in Francia in seguito all’introduzione della loi Malraux (n. 62-903 del 4-8-1962) e dei settori di salvaguardia. Nonostante l’argomento sia stato ripetutamente trattato dalla letteratura, sia locale che internazionale, non è mai stato affrontato secondo una visione globale. Di conseguenza, il lavoro ha mirato ad un suo inquadramento unitario, esaminando tutti gli aspetti legati all’applicazione della legge. Inoltre, ripercorrendo quasi quarant’anni di sperimentazione, attraverso la visita di alcune località e la lettura di qualche fabbrica ‘prima’ e ‘dopo’ gli interventi previsti dai piani di tutela, la ricerca ha condotto all’individuazione di criteri e metodi adottati in fase operativa e della loro evoluzione nel tempo. In definitiva, essa ha consentito di stendere un effettivo bilancio dell’esperienza francese, suggerendo un confronto con le altre nazioni, ed in particolare con l’Italia, per definire una comune linea d’intervento per la protezione dei quartieri antichi, ancora contrassegnati da serie problematiche, molto spesso rimaste irrisolte.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11584/13583
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact