Antonio di Meo. Leopardi copernicano