Dice Susan Sontag che tradurre vuol dire molte cose, tra cui porre in circolazione, trasportare, diffondere, spiegare e rendere (più) accessibile e che la sua motivazione è «di stampo evangelico», vale a dire quella di ampliare la cerchia di lettori di un libro considerato importante . Insomma quanto meglio tradotto, meglio letto e da un numero maggiore di lettori. Il tradurre, è risaputo, conduce poi all’asserzione di una serie di concetti quasi morali o etici come la fedeltà, l’adesione, l’accuratezza e la responsabilità. L’associazione traduttore-traditore fa spesso sorridere, ma si tratta di una minaccia che pesa sulle spalle di chi esercita questo mestiere. Per sfuggire all’accusa, il testo di arrivo non dovrebbe subire perdite (contro l’irrinunciabile) né contaminazioni (contro l’identità) rispetto a quello di partenza. Eppure la cosiddetta traducibilità di un testo non è una prerogativa assoluta e a volte, come dice Paul Ricoeur, si tratta di una sfida difficile o addirittura impossibile riassunta dall’espressione francese épreuve e dal suo duplice significato di ‘pena sperimentata’ e ‘prova’ di un progetto, un desiderio. Anche di un impulso, quello di tradurre . Ma se è un narratore a tradurre, qual miglior regalo per un lettore? La stessa fortuna tocca a un traduttore se l’autore, sul cui testo lavora, conosce e pratica il suo mestiere.

Saggio sulla traduzione di "Specchietto retrovisore" di Juan Villoro

SECCI, MARIA CRISTINA
2014

Abstract

Dice Susan Sontag che tradurre vuol dire molte cose, tra cui porre in circolazione, trasportare, diffondere, spiegare e rendere (più) accessibile e che la sua motivazione è «di stampo evangelico», vale a dire quella di ampliare la cerchia di lettori di un libro considerato importante . Insomma quanto meglio tradotto, meglio letto e da un numero maggiore di lettori. Il tradurre, è risaputo, conduce poi all’asserzione di una serie di concetti quasi morali o etici come la fedeltà, l’adesione, l’accuratezza e la responsabilità. L’associazione traduttore-traditore fa spesso sorridere, ma si tratta di una minaccia che pesa sulle spalle di chi esercita questo mestiere. Per sfuggire all’accusa, il testo di arrivo non dovrebbe subire perdite (contro l’irrinunciabile) né contaminazioni (contro l’identità) rispetto a quello di partenza. Eppure la cosiddetta traducibilità di un testo non è una prerogativa assoluta e a volte, come dice Paul Ricoeur, si tratta di una sfida difficile o addirittura impossibile riassunta dall’espressione francese épreuve e dal suo duplice significato di ‘pena sperimentata’ e ‘prova’ di un progetto, un desiderio. Anche di un impulso, quello di tradurre . Ma se è un narratore a tradurre, qual miglior regalo per un lettore? La stessa fortuna tocca a un traduttore se l’autore, sul cui testo lavora, conosce e pratica il suo mestiere.
9788897826491
Traduzione; Lingua spagnola; Problemi di traduzione; Letteratura ispanoamericana; Juan Villoro
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
anteprima_SpecchiettoRetrovisore.pdf

accesso aperto

Descrizione: File contenente copertina, indice, postfazione
Tipologia: versione editoriale
Dimensione 211.19 kB
Formato Adobe PDF
211.19 kB Adobe PDF Visualizza/Apri
cop_Villoro_distesa_bassa-1.pdf

Solo gestori archivio

Descrizione: Copertina
Tipologia: versione editoriale
Dimensione 95.69 kB
Formato Adobe PDF
95.69 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11584/146288
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact