Juan Villoro è un autore ben noto al pubblico italiano per la sua narrativa e per il giornalismo. Da bambino – racconta – andava spesso a teatro. Inizialmente sembrava essere quella la sua inclinazione, ma ben presto cominciò a scrivere racconti. Fu grazie alla traduzione che si riaffacciò sulla quarta parete. In più di un’occasione l’autore messicano ha evidenziato il ruolo privilegiato offerto da quell’esercizio: “Non sono un traduttore professionista, ma considero la traduzione un apprendimento. Ritengo sia un’opportunità straordinaria per uno scrittore, perché permette di addentrarsi nei misteri di altri autori e di un altro libro, di seguirne tutte le decisioni e la scelta delle espressioni”. Anche il contatto con la lingua tedesca era iniziato quando l’autore era bambino, con l’iscrizione al Colegio Alemán, e si era rinvigorito durante la permanenza – dal 1981 al 1984 – a Berlino Est, dove ricopriva l’incarico di aggregato culturale per l’Ambasciata del Messico. “Nel 1984 ho iniziato la mia prima traduzione formale, senza avere nessun contratto con una casa editrice. Si trattava di Il ritorno di Casanova, di Arthur Schnitzler”.

Prefazione [alla traduzione di "Morte Parziale" di Juan Villoro]

SECCI, MARIA CRISTINA
2015

Abstract

Juan Villoro è un autore ben noto al pubblico italiano per la sua narrativa e per il giornalismo. Da bambino – racconta – andava spesso a teatro. Inizialmente sembrava essere quella la sua inclinazione, ma ben presto cominciò a scrivere racconti. Fu grazie alla traduzione che si riaffacciò sulla quarta parete. In più di un’occasione l’autore messicano ha evidenziato il ruolo privilegiato offerto da quell’esercizio: “Non sono un traduttore professionista, ma considero la traduzione un apprendimento. Ritengo sia un’opportunità straordinaria per uno scrittore, perché permette di addentrarsi nei misteri di altri autori e di un altro libro, di seguirne tutte le decisioni e la scelta delle espressioni”. Anche il contatto con la lingua tedesca era iniziato quando l’autore era bambino, con l’iscrizione al Colegio Alemán, e si era rinvigorito durante la permanenza – dal 1981 al 1984 – a Berlino Est, dove ricopriva l’incarico di aggregato culturale per l’Ambasciata del Messico. “Nel 1984 ho iniziato la mia prima traduzione formale, senza avere nessun contratto con una casa editrice. Si trattava di Il ritorno di Casanova, di Arthur Schnitzler”.
978-88-7218-403-5
Traduzione; Lingua spagnola; Letteratura messicana; Juan Villoro; Drammaturgia
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
MorteParziale pp.1-16.pdf

non disponibili

Descrizione: Prefazione
Tipologia: versione editoriale
Dimensione 95.53 kB
Formato Adobe PDF
95.53 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
scheda morteParziale.pdf

non disponibili

Descrizione: Scheda del libro
Tipologia: altro documento allegato
Dimensione 196 kB
Formato Adobe PDF
196 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11584/146367
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact