Oralità e scrittura nel falsobordone