Come e perché sparisce una pratica centrale nella vita e nell’immaginario di una cultura, nel nostro caso su ballu, la danza sarda? E cosa succede quando questa memoria “tradizionale” riaffiora e si scontra con i mezzi di comunicazione di massa? La possibilità di dare risposte non banali passa attraverso la ricostruzione di trame complesse e appassionanti che si muovono fra l’analisi del rito nella sua concretezza e il ruolo che esso ha assunto come simbolo all’interno del discorso politico sardo. Il ballo diventa dunque il trait d’union grazie al quale la “tradizione” da un lato e l’autocoscienza politico-culturale dall’altro possono essere guardate diversamente e in cui l’agire dei media diviene parte attiva del gioco di costruzione delle identità. Al centro di questa trama ci sono dei corpi che sentono e che, nella danza come nella guerra, sono continuamente chiamati a dare senso alla propria esperienza e a definire la propria appartenenza. Attraverso gli strumenti della “semiotica della cultura” si delinea così quel percorso di traduzioni culturali che trae linfa dal conflitto attorno all’esistenza e al divenire della nazione sarda.

Tradurre la tradizione. Sardegna: su ballu, i corpi, la cultura

SEDDA, FRANCESCO
2003

Abstract

Come e perché sparisce una pratica centrale nella vita e nell’immaginario di una cultura, nel nostro caso su ballu, la danza sarda? E cosa succede quando questa memoria “tradizionale” riaffiora e si scontra con i mezzi di comunicazione di massa? La possibilità di dare risposte non banali passa attraverso la ricostruzione di trame complesse e appassionanti che si muovono fra l’analisi del rito nella sua concretezza e il ruolo che esso ha assunto come simbolo all’interno del discorso politico sardo. Il ballo diventa dunque il trait d’union grazie al quale la “tradizione” da un lato e l’autocoscienza politico-culturale dall’altro possono essere guardate diversamente e in cui l’agire dei media diviene parte attiva del gioco di costruzione delle identità. Al centro di questa trama ci sono dei corpi che sentono e che, nella danza come nella guerra, sono continuamente chiamati a dare senso alla propria esperienza e a definire la propria appartenenza. Attraverso gli strumenti della “semiotica della cultura” si delinea così quel percorso di traduzioni culturali che trae linfa dal conflitto attorno all’esistenza e al divenire della nazione sarda.
9788883532191
Semiotica della cultura; Storia della coscienza; Studi culturali
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Tradurre_la_tradizione_SEDDA.pdf

accesso aperto

Tipologia: versione editoriale
Dimensione 58.31 MB
Formato Adobe PDF
58.31 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11584/170268
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact