Lettera immaginaria a Oreste Ranelletti