Sui limiti soggettivi del giudicato nel processo romano