Un oblio 'felice'? La riflessione ricoeuriana sulle ferite della memoria