I vicerè tra riformismo e reazione aristocratica