Max Leopold Wagner, l'AIS e l'onomasiologia di ieri e di oggi