Nel contributo si esaminano, alla luce delle elaborazioni dottrinali e della più recente giurisprudenza sul tema, la vendita di cosa altrui e le numerose problematiche sollevate da tale figura. In particolare, si procede: - all’individuazione della nozione; alla delimitazione della figura in rapporto con le figure “affini” (promessa del fatto del terzo; contratto concluso dal falsus procurator o dal mandatario senza rappresentanza; vendita sospensivamente condizionata all’acquisto del diritto in capo al venditore; vendita “allo scoperto”; vendita di cosa altrui e divieto dei patti successori); - all’illustrazione delle varie modalità attraverso le quali il venditore può adempiere all’obbligazione di far acquistare il diritto al compratore, con particolare attenzione a quelle non menzionate dal secondo comma dell’art. 1478 c.c., ma elaborate dalla giurisprudenza e dalla dottrina (vendita diretta dal terzo proprietario; approvazione, da parte del proprietario, del precedente atto dispositivo del venditore; ratifica; conferimento, dal proprietario al venditore, di mandato irrevocabile a vendere; contratto, fra il venditore ed il terzo proprietario, a favore del compratore; acquisti procurati con “sacrificio” della posizione del terzo proprietario); - all’esame delle nozioni di buona e mala fede del compratore; - alla tutela del compratore in buona fede ed alla natura della responsabilità in capo al venditore, nonché all’esame in dettaglio dei rimedi accordati dal sistema; - alla tutela del compratore in caso di mala fede; - alla tutela del promissario acquirente nel preliminare di cosa altrui.

Art. 1478. Vendita di cosa altrui. Art. 1479. Buona fede del compratore

BANDIERA, FRANCO MAURIZIO
2005

Abstract

Nel contributo si esaminano, alla luce delle elaborazioni dottrinali e della più recente giurisprudenza sul tema, la vendita di cosa altrui e le numerose problematiche sollevate da tale figura. In particolare, si procede: - all’individuazione della nozione; alla delimitazione della figura in rapporto con le figure “affini” (promessa del fatto del terzo; contratto concluso dal falsus procurator o dal mandatario senza rappresentanza; vendita sospensivamente condizionata all’acquisto del diritto in capo al venditore; vendita “allo scoperto”; vendita di cosa altrui e divieto dei patti successori); - all’illustrazione delle varie modalità attraverso le quali il venditore può adempiere all’obbligazione di far acquistare il diritto al compratore, con particolare attenzione a quelle non menzionate dal secondo comma dell’art. 1478 c.c., ma elaborate dalla giurisprudenza e dalla dottrina (vendita diretta dal terzo proprietario; approvazione, da parte del proprietario, del precedente atto dispositivo del venditore; ratifica; conferimento, dal proprietario al venditore, di mandato irrevocabile a vendere; contratto, fra il venditore ed il terzo proprietario, a favore del compratore; acquisti procurati con “sacrificio” della posizione del terzo proprietario); - all’esame delle nozioni di buona e mala fede del compratore; - alla tutela del compratore in buona fede ed alla natura della responsabilità in capo al venditore, nonché all’esame in dettaglio dei rimedi accordati dal sistema; - alla tutela del compratore in caso di mala fede; - alla tutela del promissario acquirente nel preliminare di cosa altrui.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11584/19508
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact