Visione da un colle invisibile. "Cavallino", la poetica pascoliana e la stratigrafia myricea