Con l’espressione doppio mobbing si fa riferimento ad una particolare condizione di disagio che può caratterizzare la vita familiare di chi è coinvolto sul luogo di lavoro nella dinamica relazionale denominata mobbing. Tale disagio si configurerebbe, in modo del tutto analogo a quanto avviene nelle organizzazioni lavorative, come la persecuzione perpetrata da alcuni membri familiari a danno di un altro già “vittima” delle angherie dei colleghi. I due fenomeni sono descritti in letteratura come strettamente dipendenti l’uno dall’altro: il malessere sperimentato a causa della situazione lavorativa sfavorevole porta l’individuo a mettere in atto comportamenti che, paradossalmente, suscitano alla lunga l’ostilità proprio di coloro che dovrebbero garantirgli sostegno e protezione. Il contributo analizza criticamente la possibilità di assimilare i due costrutti. Un’attenta analisi comparativa dei fenomeni consente di evidenziare alcune differenze tra il mobbing e il cosiddetto doppio mobbing e sottolinea la necessità di fare riferimento ai modelli teorici elaborati nell'ambito degli studi della psicologia delle relazioni familiari in grado di cogliere le specificità delle dinamiche e dei processi tipici del funzionamento familiare che poco si prestano ad essere descritti attraverso una semplice traslazione di concetti appartenenti ad altri ambiti.

Famiglia e disagio lavorativo

LASIO, DIEGO;
2006

Abstract

Con l’espressione doppio mobbing si fa riferimento ad una particolare condizione di disagio che può caratterizzare la vita familiare di chi è coinvolto sul luogo di lavoro nella dinamica relazionale denominata mobbing. Tale disagio si configurerebbe, in modo del tutto analogo a quanto avviene nelle organizzazioni lavorative, come la persecuzione perpetrata da alcuni membri familiari a danno di un altro già “vittima” delle angherie dei colleghi. I due fenomeni sono descritti in letteratura come strettamente dipendenti l’uno dall’altro: il malessere sperimentato a causa della situazione lavorativa sfavorevole porta l’individuo a mettere in atto comportamenti che, paradossalmente, suscitano alla lunga l’ostilità proprio di coloro che dovrebbero garantirgli sostegno e protezione. Il contributo analizza criticamente la possibilità di assimilare i due costrutti. Un’attenta analisi comparativa dei fenomeni consente di evidenziare alcune differenze tra il mobbing e il cosiddetto doppio mobbing e sottolinea la necessità di fare riferimento ai modelli teorici elaborati nell'ambito degli studi della psicologia delle relazioni familiari in grado di cogliere le specificità delle dinamiche e dei processi tipici del funzionamento familiare che poco si prestano ad essere descritti attraverso una semplice traslazione di concetti appartenenti ad altri ambiti.
88-430-3749-8
Relazioni famiari; disagio lavorativo; mobbing
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11584/25501
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact