Aristotele e i “calcoli" dell'uomo saggio