Al Mine Eie investigates the emergence of issues and themes associated with the ‘construction of the Self’, in the context of early modern English Literature and Culture. The essay opens with a critical excursus of the main studies which, through different approaches − in particular those derived from Neo-Historicism, Cultural Materialism, and Postmodernism − try to cast some light on the emerging of the notion of the modern Self as a private dimension of the individual subjectivity. The textual exemplication is carried out on the 1609 Thorpe edition of Shakespeare’s Sonnets, and involves a discussion about the possible semantic modifications brought about by the modernization of the original text of the Sonnets.

Al Mine Eie si occupa dell’emergere di temi legati alla ‘costruzione del Sé’ nell’ambito della letteratura e della cultura inglese nella prima età moderna. Il saggio prende le mosse da un excursus critico degli studi che, con approcci diversi (neostorico, storico-culturale, postmoderno), tentano di mettere a fuoco l’affiorare della nozione di selfe come pratica inerente alla dimensione privata e interiore della soggettività nella prima età moderna. L’esemplificazione testuale viene condotta sul testo dei Sonnets di Shakespeare così come appare nella edizione Thorpe del 1609, discutendo al contempo le possibili interferenze di natura semantica originate da successive edizioni modernizzate.

‘Al Mine Eie’. La rappresentazione del Sé e i Sonnets di Shakespeare

Angelo Deidda
2018-01-01

Abstract

Al Mine Eie si occupa dell’emergere di temi legati alla ‘costruzione del Sé’ nell’ambito della letteratura e della cultura inglese nella prima età moderna. Il saggio prende le mosse da un excursus critico degli studi che, con approcci diversi (neostorico, storico-culturale, postmoderno), tentano di mettere a fuoco l’affiorare della nozione di selfe come pratica inerente alla dimensione privata e interiore della soggettività nella prima età moderna. L’esemplificazione testuale viene condotta sul testo dei Sonnets di Shakespeare così come appare nella edizione Thorpe del 1609, discutendo al contempo le possibili interferenze di natura semantica originate da successive edizioni modernizzate.
9788864537412
Al Mine Eie investigates the emergence of issues and themes associated with the ‘construction of the Self’, in the context of early modern English Literature and Culture. The essay opens with a critical excursus of the main studies which, through different approaches − in particular those derived from Neo-Historicism, Cultural Materialism, and Postmodernism − try to cast some light on the emerging of the notion of the modern Self as a private dimension of the individual subjectivity. The textual exemplication is carried out on the 1609 Thorpe edition of Shakespeare’s Sonnets, and involves a discussion about the possible semantic modifications brought about by the modernization of the original text of the Sonnets.
Shakespeare; Sonetti; Self; Traduzione
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
A. Deidda, All Mine Eye, 2018.pdf

accesso aperto

Descrizione: Intero volume
Tipologia: versione editoriale
Dimensione 1.07 MB
Formato Adobe PDF
1.07 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11584/258456
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact