Il saggio analizza un passo di Seneca che lascia intravedere, in filigrana, l'assenza dell'elaborazione di un meccanismo di imputazione dell'inadempimento di obligationes nel contesto del lege agere, e suggerisce semmai come una regola dogmatica in tal senso si sia configurata solamente con l'emersione - che presuppone la lex Aquilia e la culpa aquiliana - della perpetuatio obligationis.

I 'maiores' e l’'oportere' inattuato: un’ipotesi su Sen. 'Ben'. 7.16.3

Riccardo Fercia
2019

Abstract

Il saggio analizza un passo di Seneca che lascia intravedere, in filigrana, l'assenza dell'elaborazione di un meccanismo di imputazione dell'inadempimento di obligationes nel contesto del lege agere, e suggerisce semmai come una regola dogmatica in tal senso si sia configurata solamente con l'emersione - che presuppone la lex Aquilia e la culpa aquiliana - della perpetuatio obligationis.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Estratto Liber Amicorum Tafaro I - Fercia.pdf

Solo gestori archivio

Tipologia: versione editoriale
Dimensione 1.05 MB
Formato Adobe PDF
1.05 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11584/280706
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact