Durante gli anni dell’esilio a Londra, Mazzini, venuto a contatto con numerosi intellettuali impegnati nel dibattito sulla democrazia, diede vita ad un proprio progetto di European democracy che si distinse per un elemento peculiare e innovativo: l’affermazione della sostanziale eguaglianza fra uomini e donne; da ciò scaturiva il riconoscimento dei diritti di queste ultime e la imprescindibile necessità della loro partecipazione alla vita politica e sociale, in condizione di parità con l’uomo. In questo lavoro si è cercato di ricostruire le frequentazioni londinesi del Mazzini, fra le quali emergono John Stuart Mill, la famiglia Ashurst, Margaret Fuller e William Linton, attivamente impegnati nel movimento suffragista nazionale e internazionale, e che influirono sulla elaborazione del pensiero emancipazionista mazziniano. La concezione egualitaria del Mazzini trovò la sua massima espressione nei Doveri dell’Uomo e costituì, negli anni seguenti, un solido riferimento dottrinario per coloro che proponevano un modello politico e sociale, che contemplasse, senza implicite esclusioni, la partecipazione di tutta la popolazione al governo della res pubblica.

Giuseppe Mazzini: la democrazia europea e i diritti delle donne

Falchi, Federica
2010

Abstract

Durante gli anni dell’esilio a Londra, Mazzini, venuto a contatto con numerosi intellettuali impegnati nel dibattito sulla democrazia, diede vita ad un proprio progetto di European democracy che si distinse per un elemento peculiare e innovativo: l’affermazione della sostanziale eguaglianza fra uomini e donne; da ciò scaturiva il riconoscimento dei diritti di queste ultime e la imprescindibile necessità della loro partecipazione alla vita politica e sociale, in condizione di parità con l’uomo. In questo lavoro si è cercato di ricostruire le frequentazioni londinesi del Mazzini, fra le quali emergono John Stuart Mill, la famiglia Ashurst, Margaret Fuller e William Linton, attivamente impegnati nel movimento suffragista nazionale e internazionale, e che influirono sulla elaborazione del pensiero emancipazionista mazziniano. La concezione egualitaria del Mazzini trovò la sua massima espressione nei Doveri dell’Uomo e costituì, negli anni seguenti, un solido riferimento dottrinario per coloro che proponevano un modello politico e sociale, che contemplasse, senza implicite esclusioni, la partecipazione di tutta la popolazione al governo della res pubblica.
8879573195
9788879573191
Mazzini; democrazia; diritti delle donne
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Mazzini.pdf

Solo gestori archivio

Tipologia: versione editoriale
Dimensione 1.41 MB
Formato Adobe PDF
1.41 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11584/30328
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact