Il titolo di questo volume, L’inconscio a più voci, vuole presentare alcuni, diversi, punti di vista; i contributi sono identificati come “voci” per alludere a un potenziale piccolo “dizionario tascabile”. La parola ‘dizionario’ può intimorire se rapportato all’esiguità numerica e alla relatività di prospettiva del numero di voci qui contenute. Le voci, che proprio alludendo al dizionario sono disposte in ordine alfabetico, non hanno e non vogliono avere un carattere di sistematicità e tanto meno di presunta completezza. Sono soltanto voci, suoni significanti che aprono a campi di ricerca di significati e a possibili orizzonti di comprensione; voci che hanno più a che fare con itinerari per sentieri specifici, di esplorazione, e aprono su aspetti del profondo e della vita che possono trovare nuove possibilità di dialogo, ricerca, riflessione. Abbiamo deliberatamente omesso nel titolo di ciascun contributo la locuzione “Inconscio e...”, per non essere pesanti e ripetitivi, ma chi legge deve sottenderla ad ogni titolo-voce. L’inconscio si può dire in molti modi e questa prospettiva prismatica è, d’altra parte, l’eredità che ci è stata lasciata dagli stessi padri pionieri della psicoanalisi. Si tratta di una problematica che oggi si approfondisce e si arricchisce con l’apporto dei risultati delle ricerche delle neuroscienze, con gli approfondimenti degli studi sulle emozioni, sulla creatività artistica, sulla complessità, sulla clinica delle nuove patologie, aprendosi anche a nuove prospettive con le osservazioni e le ricerche sull’intersoggettività. Sono tutti studi che contribuiscono a riformulare le teorie della mente e della dinamica psichica di cui la dimensione inconscia è parte integrante.

Introduzione

Vinicio Busacchi;
2021

Abstract

Il titolo di questo volume, L’inconscio a più voci, vuole presentare alcuni, diversi, punti di vista; i contributi sono identificati come “voci” per alludere a un potenziale piccolo “dizionario tascabile”. La parola ‘dizionario’ può intimorire se rapportato all’esiguità numerica e alla relatività di prospettiva del numero di voci qui contenute. Le voci, che proprio alludendo al dizionario sono disposte in ordine alfabetico, non hanno e non vogliono avere un carattere di sistematicità e tanto meno di presunta completezza. Sono soltanto voci, suoni significanti che aprono a campi di ricerca di significati e a possibili orizzonti di comprensione; voci che hanno più a che fare con itinerari per sentieri specifici, di esplorazione, e aprono su aspetti del profondo e della vita che possono trovare nuove possibilità di dialogo, ricerca, riflessione. Abbiamo deliberatamente omesso nel titolo di ciascun contributo la locuzione “Inconscio e...”, per non essere pesanti e ripetitivi, ma chi legge deve sottenderla ad ogni titolo-voce. L’inconscio si può dire in molti modi e questa prospettiva prismatica è, d’altra parte, l’eredità che ci è stata lasciata dagli stessi padri pionieri della psicoanalisi. Si tratta di una problematica che oggi si approfondisce e si arricchisce con l’apporto dei risultati delle ricerche delle neuroscienze, con gli approfondimenti degli studi sulle emozioni, sulla creatività artistica, sulla complessità, sulla clinica delle nuove patologie, aprendosi anche a nuove prospettive con le osservazioni e le ricerche sull’intersoggettività. Sono tutti studi che contribuiscono a riformulare le teorie della mente e della dinamica psichica di cui la dimensione inconscia è parte integrante.
9788894476750
Freud; Jung; Psicoanalisi; Ermeneutica; Fenomenologia
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Busacchi, Iapoce, Sozer, Inconscio a più voci.pdf

non disponibili

Tipologia: versione editoriale
Dimensione 1.14 MB
Formato Adobe PDF
1.14 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11584/311161
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact