Il problema delle biblioteche filosofiche nella storiografia novecentesca: qualche breve divagazione