Il Diario in romanesco di Giacomello Cuttinelli (1519-1524) tra variazione “inconsapevole” e instabilità del sistema