Il silenzio dell’altro e l’aporia politica della traduzione secondo Gayatri Chakravorty Spivak