È quasi ovvio parlare delle trasformazioni radicali che, insieme con i riferimenti epistemologici e i nuovi modi di organizzarsi delle società, per via di una complessità culturale sempre crescente hanno coinvolto i modelli e le tecniche per la pianificazione, cambiando gli strumenti di investigazione e di intervento e, di conseguenza, le funzioni pratiche della pianificazione. In primo luogo è divenuta meno rilevante, quasi svanendo nell'aria, la distinzione fra strumenti quantitativi e qualitativi; poi si è messo in discussione il carattere procedurale degli approcci, ma soprattutto è cambiato il concetto di previsione, un cambiamento che non è la presa d'atto o l'accettazione dell'impossibilità di costruire futuri desiderati (che sarebbe semplicemente la fine del progetto), ma la consapevolezza della necessità di operare sui futuri possibili e sugli scenari che li descrivono. In sostanza non è mutata la necessità di governare i processi, di utilizzare un piano, di definire vincoli e norme, ma è scomparsa - se mai è esistita - l'idea che ciò possa avvenire per volontà demiurgica del decisore (politico o tecnico è quasi lo stesso) o che esista un "prima" ed un "dopo" chiaramente definiti fra analisi, pianificazione, realizzazione ed implementazione. Gestire queste trasformazioni radicali all'interno di un obiettivo di fondo che garantisca equità, sostenibilità, diritti è il compito e la sfida che dobbiamo affrontare tutti noi che in molti modi ci occupiamo della pianificazione territoriale, ciascuno di noi secondo il proprio punto di vista: la conferenza INPUT 2005 di Alghero a questa sfida è dedicata.

Analisi e modelli per la pianificazione. Teoria e pratica: lo stato dell’arte

PLAISANT, ALESSANDRO
2005-01-01

Abstract

È quasi ovvio parlare delle trasformazioni radicali che, insieme con i riferimenti epistemologici e i nuovi modi di organizzarsi delle società, per via di una complessità culturale sempre crescente hanno coinvolto i modelli e le tecniche per la pianificazione, cambiando gli strumenti di investigazione e di intervento e, di conseguenza, le funzioni pratiche della pianificazione. In primo luogo è divenuta meno rilevante, quasi svanendo nell'aria, la distinzione fra strumenti quantitativi e qualitativi; poi si è messo in discussione il carattere procedurale degli approcci, ma soprattutto è cambiato il concetto di previsione, un cambiamento che non è la presa d'atto o l'accettazione dell'impossibilità di costruire futuri desiderati (che sarebbe semplicemente la fine del progetto), ma la consapevolezza della necessità di operare sui futuri possibili e sugli scenari che li descrivono. In sostanza non è mutata la necessità di governare i processi, di utilizzare un piano, di definire vincoli e norme, ma è scomparsa - se mai è esistita - l'idea che ciò possa avvenire per volontà demiurgica del decisore (politico o tecnico è quasi lo stesso) o che esista un "prima" ed un "dopo" chiaramente definiti fra analisi, pianificazione, realizzazione ed implementazione. Gestire queste trasformazioni radicali all'interno di un obiettivo di fondo che garantisca equità, sostenibilità, diritti è il compito e la sfida che dobbiamo affrontare tutti noi che in molti modi ci occupiamo della pianificazione territoriale, ciascuno di noi secondo il proprio punto di vista: la conferenza INPUT 2005 di Alghero a questa sfida è dedicata.
9788846470959
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11584/61488
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact