Il potere di esternazione tra Costituzione e diritto non scritto