Sergej Michailovic Ejzenstejn nella Russia sovietica degli anni Venti