L'ironia ossimorica di Salvatore Satta