La prima ricezione del modello morfologico di Panini nella linguistica occidentale: il caso dello zero