L’impossibilità della prestazione per fatto del creditore