Gli enti matematici «per astrazione» secondo Alessandro di Afrodisia e lo pseudo-Alessandro