L'esame delle vicende della vitivinicoltura sarda in questo saggio sono state ricostruite privilegiando gli aspetti che hanno reso particolarmente significativa la storia della vite e del vino in Sardegna. Attraverso l'esame di un cospicuo numero di documenti, in gran parte inediti, tratti da archivi pubblici e privati - in particolare dall'Archivio storico Sella di Biella -, si è inteso focalizzare l'attenzione su una realtà a parte nel complesso delle attività agricole e industriale sarde, per dare conto dei fenomeni più rilevanti sviluppati in Sardegna tra la fine dell'Ottocento e il primo Novecento. Hanno suscitato particolare attenzione le esperienze vissute dagli imprenditori attivi nel settore, le attività promosse dai proprietari terrieri e dai commercianti vinicoli, le vicende che interessarono le comunità contadine coinvolte nella produzione viticola. Alla luce di questa disamina si è inteso ricostruire il quadro dei processi di modernizzazione che hanno caratterizzato in modo specifico e particolarmente significativo questo settore dell'economia sarda. Tra grandi successi e profonde crisi, la vitivinicoltura sarda ha infatti conosciuto profonde trasformazioni a partire dal secondo l'Ottocento, ma soprattuto, una volta superate le conseguenze dell'infestione filloserica, nel Novecento quando, grazie all'importante contributo delle istituzioni e delle scuole agrarie, la produzione sul campo è stata maggiormente curata e selezionata, e ancor più migliorata la confezione dei vini in cantine modernamente attrezzate e strutturate.

L’industria vitivinicola sarda dalla «fusione perfetta» al fascismo (1847-1940)

DI FELICE, MARIA LUISA
1999

Abstract

L'esame delle vicende della vitivinicoltura sarda in questo saggio sono state ricostruite privilegiando gli aspetti che hanno reso particolarmente significativa la storia della vite e del vino in Sardegna. Attraverso l'esame di un cospicuo numero di documenti, in gran parte inediti, tratti da archivi pubblici e privati - in particolare dall'Archivio storico Sella di Biella -, si è inteso focalizzare l'attenzione su una realtà a parte nel complesso delle attività agricole e industriale sarde, per dare conto dei fenomeni più rilevanti sviluppati in Sardegna tra la fine dell'Ottocento e il primo Novecento. Hanno suscitato particolare attenzione le esperienze vissute dagli imprenditori attivi nel settore, le attività promosse dai proprietari terrieri e dai commercianti vinicoli, le vicende che interessarono le comunità contadine coinvolte nella produzione viticola. Alla luce di questa disamina si è inteso ricostruire il quadro dei processi di modernizzazione che hanno caratterizzato in modo specifico e particolarmente significativo questo settore dell'economia sarda. Tra grandi successi e profonde crisi, la vitivinicoltura sarda ha infatti conosciuto profonde trasformazioni a partire dal secondo l'Ottocento, ma soprattuto, una volta superate le conseguenze dell'infestione filloserica, nel Novecento quando, grazie all'importante contributo delle istituzioni e delle scuole agrarie, la produzione sul campo è stata maggiormente curata e selezionata, e ancor più migliorata la confezione dei vini in cantine modernamente attrezzate e strutturate.
88-420-5938-2
Sardegna-Italia; età liberale; età giolittiana; modernizzazione; arretratezza; società istituzioni; cultura tecnico scientifica; agricoltura ; viticoltura; enologia; industria vinicola; archivi
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
INDUSTRIAVINICOLAVITEEVINO.pdf

Solo gestori archivio

Descrizione: articolo principale
Tipologia: versione editoriale
Dimensione 3.21 MB
Formato Adobe PDF
3.21 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11584/8460
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact