Magistratura e diritti: virtù passive e stato attivo