Una critica alla "par condicio"