Ludwig Landgrebe ed Eugen Fink possono essere considerati come i Dioscuri del pensiero fenomenologico tedesco nel secondo dopoguerra per i contributi originali che hanno dato alla riflessione teorica, per la cura del lascito husserliano, così come per la formazione della successiva generazione dei fenomenologi tedeschi, della quale Bernhard Waldenfels è certamente uno dei rappresentanti di spicco. Il contributo si conclude con una dettagliata bibliografia.

German Phenomenology from Landgrebe and Fink to Waldenfels

BAPTIST, GABRIELLA
2002-01-01

Abstract

Ludwig Landgrebe ed Eugen Fink possono essere considerati come i Dioscuri del pensiero fenomenologico tedesco nel secondo dopoguerra per i contributi originali che hanno dato alla riflessione teorica, per la cura del lascito husserliano, così come per la formazione della successiva generazione dei fenomenologi tedeschi, della quale Bernhard Waldenfels è certamente uno dei rappresentanti di spicco. Il contributo si conclude con una dettagliata bibliografia.
1-4020-0066-9
L. Landgrebe; E. Fink; B. Waldenfels
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11584/8534
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact