Troppo vicino? Perché l’annullamento dello spazio ci fa paura