Stranieri e terre straniere nel "Sone de Nansay"