Il Quaternario continentale del F° 556-Assemini: metodologia e risultati