Lingua e ironia nel "Giorno del giudizio"