Alcune considerazioni su un caso di intervento antropico in un’area ad alto rischio idrogeologico