La criticità auto-organizzata: un nuovo paradigma per il connessionismo