Della traducibilità tra parola e segno