L’avvento delle bocche da fuoco e lo sviluppo delle moderne tecniche ossidionali conducono, a partire dalla seconda metà del Quattrocento, ad un adeguamento delle cinte medievali, divenute oramai incapaci di resistere alle bordate dei cannoni ed a consentire le manovre degli stessi. La frenetica attività svolta da studiosi e uomini d’arme nella ricerca delle soluzioni tecniche che garantissero la difesa di città e territori conduce a numerosi interventi progettuali che interessano la penisola italiana e con particolare intensità, a partire dalla fi ne del Quattrocento, anche la Sardegna.

La piazzaforte di Cagliari nel periodo 1552-1578. Il disegno dei baluardi nell’opera di Rocco Capellino e dei Palearo Fratino

PIRINU, ANDREA
2015

Abstract

L’avvento delle bocche da fuoco e lo sviluppo delle moderne tecniche ossidionali conducono, a partire dalla seconda metà del Quattrocento, ad un adeguamento delle cinte medievali, divenute oramai incapaci di resistere alle bordate dei cannoni ed a consentire le manovre degli stessi. La frenetica attività svolta da studiosi e uomini d’arme nella ricerca delle soluzioni tecniche che garantissero la difesa di città e territori conduce a numerosi interventi progettuali che interessano la penisola italiana e con particolare intensità, a partire dalla fi ne del Quattrocento, anche la Sardegna.
978 88 917 1151 9
Baluardi, Sardegna, Cinquecento, Ingegneri militari
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
atti ISEM_Pirinu.pdf

Solo gestori archivio

Tipologia: versione post-print
Dimensione 2.21 MB
Formato Adobe PDF
2.21 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11584/117131
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact